22/02/2018 11:56:34
    

Quotidiani

Editoriale

TRISTEZZA CALCIO SCOMMESSE

TRISTEZZA CALCIO SCOMMESSE

Che brutti "Doni" sotto l’albero   del calcio e che storie tristi...

CHE TRAGEDIA A GENOVA!

CHE TRAGEDIA A GENOVA!

Genova: una tragedia annunciata che forse si poteva evitare L’orrore. Lo shock. I...

POESIA - VIVI LA VITA

POESIA - VIVI LA VITA

La vita è un'opportunità, coglila. La vita è bellezza,...

LETTERA DI UN PADRE AL FIGLIO

LETTERA DI UN PADRE AL FIGLIO

Se quando parlo con te ripeto sempre le stesse cose … non mi interrompere ascoltami,...

VOCABOLARIO VICENTIN

VOCABOLARIO VICENTIN

el vocaboaro vicentin B babàu (ts.) =...

OCCHIO ALLE TRUFFE SUL TELEFONINO

OCCHIO ALLE TRUFFE SUL TELEFONINO

LEGGERE ATTENTAMENTE ALLE TRUFFE CHE POTRESTE RICEVERE SUL VOSTRO CELLULARE

Tutto sulle patenti C, D, E

Tutto sulle patenti C, D, E

Tutto sulle patenti C, D, E La Patente C. La Patente D. La Patente...

PATENTE A

PATENTE A

Patente A esame pratico (A1, A2 e A3 senza limiti) Guida su moto a marce automatiche...

ESAME PATENTE B

ESAME PATENTE B

L'esame di pratica per la Patente B  

VOCABOLARIO VICENTIN


el vocaboaro vicentin
B

babàu (ts.) = spauracchio.
bado (a-) (vr.) = ascolto; dar a bado: dar ascolto.ù




 

O

olèga (b/pd.) = chiazza.
ónbra (pd.) = ombra; piccola quantità; bicchiere di vino.
osèla (mar.) = osella (dal venez. osel, uccello), medaglia veneziana d'argento del valore iniziale di lire 3 e soldi 18 Veneti, creata in sostituzione di un precedente donativo di 5 anitre selvatiche, coniata con carattere commemorativo e inviata dal doge ai membri della nobiltà veneziana, i patrizi che avevano voto nel Maggior Consiglio, ogni anno nel mese di dicembre, il giorno di S. Barbara; è divenuta moneta dal 1521, sotto il doge Antonio Grimani, del valore di 1/4 di ducato o 31 soldi, pari a 1/2 Redonda (moneta veneziana del valore di 1 lira d'oro, cioè 64 Veneti).
ostarìa (pd.) = osteria, bottega del vino.

balastrón (ch.) = cestone di vimini in uso nelle valli da pesca.
batelànte (ch.) = battelliere.
bètola (pd.) = osteria stagionale di basso rango, di solito utilizzata per la vendita domestica del vino di propria produzione.
bidón = truffa, imbroglio; ciapare un bidon: restare imbrogliato; fare un bidon a qualchedun: truffare qualcuno.
bissàndola (vr.) = lucertola.
bòssa (pd.) = bottiglia.
bragògna (ch.) = barca per la pesca in laguna.
brèdene (mar.) = (pl.) redini.
bronzièro (pol.) = gran quantità di braci.

C

càbala (ve.) = raggiro, inganno.
calsa (ch.) = calza; calse de rassa: calze di lana grezza rinforzate con il panno.
capón (tv.) = cappone.
caponèra (tv.) = gabbia per polli; stia.
capòto (ch.) = pastrano; capoto de Salonicio: cappotto di stoffa grezza e pesante, usato dai pescatori dell'area dell'Egeo.
caranpàna (b/pd.) = vecchia mal ridotta, piena di acciacchi.
cavacamìsa = gioco con le carte nel quale chi perde rimane senza alcuna carta e chi vince con tutte.
clànfa (ts.) = ferro da cavallo.
cocò (pol.) = uovo; chiacchiera; illazione; far nàssare cocò: dar adito a chiacchiere malevole.
cófa (ch.) = cesta di vimini.
concòl (bl.) = porca, spazio tra solco e solco; pl. concói.
conpanadegàre (pd.) = fungere da companatico; distribuire bene il companatico durante il pasto per non esaurirlo prima d'avere finito il pane o la polenta.
cormèlo (pd.) = paracarro.
cristianìn (b/pol.) = odore della pelle trasmesso agli indumenti (che, così, rilasciano uno sgradevole odore).
cruziàr (b/vr.) = tormentare.

D

derenàre (pol.) = sfinire; sfibrare; spossare; derenarse: affannarsi, sfibrarsi.
desfigurìo (b/pd.) = stravolto.

F

fandògna (b/pd.) = fandonia; bugia; frottola.
foghèro (ch.) = focolare.
frajón (pd.) = compagnone.
frascàr (tv.) = raspare (dei polli).
fricandò (pd.) = intingolo; manicaretto.
fulimiero (a/vi.) = tritume di fieno.
fumegào (ch.) = annerito.

G

gàja (vi.) = grembo.
galòsso (tv.) = cappone mancato, a causa di un'operazione mal riuscita.
giassàra (a/vi.) = ghiacciaia; stanza molto fredda; ambiente per la conservazione dei cibi.
giavàsco (b/vr.) = cespuglio.
graìzo (b/pd.) = impasto di paglia e fango (terra argillosa) per costruire casoni, capanni e abitazioni.
gratatèra (rust./pd.) = così veniva chiamato il casone o una abitazione molto piccola e ad un solo piano.
gustìn (vr.) = sapore, gusto; saporino.

I

incocalire (ve.) = stupire, sbalordire; confondere.
infrinciàr (vr.) = conficcare; infilzare.
ingiùto (pol.) = stecchito; magro ingiuto: rinsecchito, estremamente magro.
inpacàrse (pol.) = addormentarsi profondamente.
inpissào (ch.) = acceso.
insùma (b/pol.) = insomma.
intrigàmi (tv.) = (pl.) visceri (che vengono tolti dal corpo dei polli od altri animali da cortile).

P

pàciara (pol.) = pozzanghera.
pàciola (pd.) = chiacchiera che non ha alcun scopo se non quello di fare pettegolezzo.
pantàsso (pd.) = intestino.
pégro (vr.) = pigro.
pèra (a/pd.) = dubbio, sospetto; indizio; sensazione.
pissatòjo (b/vr.) = orinatoio.
pissolàre (b/vr.) = gocciolare; emettere un filo d'acqua.
pistàre (pol.) = pestare.
pizegòto (b/pd.) = becchino.
pòlgia (b/pd.) = piccolo bottone di metallo.
présto (vr.) = prestito; in presto: a prestito.

S

sarùca (pd.) = manaccia.
sbanpolàre (ch.) = oscillare; svampare; tremolare.
sbàro (pol.) = pesce persico sole.
sbiào (vr.) = sbiadito, stinto.
sbréga (pd.) = scheggia; parte.
scanafòsso (pol.) = fossato di scolo delle acque in eccesso di un altro fosso o corso d'acqua; 
scapà (vr.) = ristretto; calato; to fiol el va in giro co le majete scapè: tuo figlio va in giro con le magliette ristrette, accorciate.
scàt (bl.) = stoppia.
s-ciavo (pol.) = scarafaggio.
scresénda (pd.) = piccola scheggia (di legno).
séngalo (vr.) = zingaro.
sentào (ch.) = seduto.
seragiànte (ch.) = addetto alla pesca nella seràgia, luogo cinto da reti o da graticci nelle valli da pesca.
sèrpa (vr.) = sedile del vetturino; montar in serpa: salire a cassetta.
sésa (vr.) = siepe.
sgolmarìn (b/vr.) = rosmarino.
sgonfo (vr.) = gonfio.
sgorbazà (b/pd.) = mal conciato; sfibrato.
slontanàrse (ts.) = allontanarsi.
smeolàre (a/vi.) = miagolare; lamentarsi (di animali).
smònica (rust./b/pd.) = fisarmonica.
soàlfa (pol.) = donna accorta; donnaccia.
spàga (pd.) = paura.
spessegàre (pd.) = affrettarsi; essere frequente.
sprisséto (pd.) = bevanda di vino, acqua minerale (seltz), buccia di limone e, a piacimento, altri ingredienti a piccole dosi.
spunción (pd.) = puntura (di insetto, d'ago, di spina, di qualcosa di appuntito); spiedino che si consuma al banco nelle osterie, fatto di pezzetti di formaggio, salame, sottaceti...
spuntìn (pd.) = assaggio di cibi; dài che femo un spuntin: vieni che mangiamo qualcosa.
stànzia (ts.) = podere; ripostiglio.
stechéto (vr.) = stuzzicadenti.
strighesso (ve.) = incanto; incantesimo.
strinà (b/vr.) = arso.
svànpolo (pol.) = svago, divertimento.

T

tàngaro (pd.) = tanghero; persona grossolana, rustica.
tòpo (ch.) = barca a fondo piatto.
trabuchèlo (ve.) = inganno; insidia; imbroglio.
tribolàre (pd.) = tribolare; patire; vivere di stenti; tribolare el franco: vivere in grande miseria, con penuria di soldi.

V

venzemàre (a/vi.) = vendemmiare.

Z

zoéta (b/pd.) = civetta.
   
  • Alimentari Giovanni
  • In Spagna
  • Colorificio Alte
  • La Vineria