17/01/2018 03:55:24
    

Quotidiani

Ambiente

Terremoto Amatrice: a CERVETERI la Chiccomamia Eventi si mobilita

Terremoto Amatrice: a CERVETERI la Chiccomamia Eventi si mobilita

E’ partita la macchina organizzativa Chiccomania Eventi in sostegno delle persone...

GREENPEACE: IN MIGLIAIA IN BICICLETTA PER SALVARE L’ARTICO, DA ROMA A BUENOS AIRES

GREENPEACE: IN MIGLIAIA IN BICICLETTA PER SALVARE L’ARTICO, DA ROMA A BUENOS AIRES

ROMA, 04.10.14 – Sono migliaia le persone che oggi hanno preso parte alla #IceRide, la...

La mitigazione del rischio idrogeologico, una priorità per il Paese

Associazioni ambientaliste e di categoria, ordini professionali, sindaci, tecnici ed esperti...

ENERGY REVOLUTION DI GREENPEACE: DIFESA DEL CLIMA, PIÙ LAVORO E MILIARDI DI EURO RISPARMIATI

ROMA, 28.11.13 – Greenpeace presenta oggi a Roma, al VI Forum "QualEnergia?"...

Rete Mobilità Nuova oggi a Roma le proposte sul nuovo codice della strada

Ridurre la velocità in ambito urbano è l’unica misura in grado di far...

Il 20 e 21 novembre è Festa dell’Albero

Tanti giardini dell’accoglienza in tutta Italia per tutti i migranti che hanno perso la...

Alluvione Sardegna, Lipu: solidarietà e risorse nella Legge Stabilità per tutela territorio

“Prevedere risorse adeguate nella Legge di Stabilità per la messa in sicurezza...

Legambiente su direttiva europea per ridurre buste di plastica

“Ottima l'iniziativa del commissario per l’ambiente UE Potocnik per combattere...

Italia Rinnovabile: domani a Roma ai Fori Imperiali

Per raccontare l’Italia delle fonti pulite e dell’efficienza energetica, domani,...

AL VIA IL TALENT SCOUT PER L’INNOVAZIONE ENERGETICA

Presentato oggi Digital Energy: il tour alla ricerca di idee e progetti su smart grid e...

PREMIO LUISA MINAZZI – AMBIENTALISTA DELL’ANNO - ecco gli 8 candidati

Chi l’ha detto che l’Italia è in crisi? A osservare gli otto candidati in...

Legambiente su Costa Concordia

“Complimenti allo staff e ai lavoratori di Titan/Micoperi, con la Protezione Civile e...

Puliamo il Mondo con Legambiente dal 27 al 29 settembre

Sono già un migliaio i Comuni dove si farà quest'anno Puliamo il Mondo e...

Legambiente - domenica è Big Jump in tutta Europa tuffi per laghi e fiumi puliti

Domenica 14 luglio alle 15:00 decine di migliaia di persone si tufferanno simultaneamente nei...

GREENPEACE: SONDAGGIO CONSUMATORI ITALIANI, VOGLIONO VEICOLI PIU EFFICIENTI

ROMA, 18.06.13 - Oggi i Ministri dell’Ambiente dell’Unione Europea si riuniscono...

La più bella sei tu: vota la spiaggia!

Gara aperta per la spiaggia più bella d'Italia. C'è tempo fino al 31...

Wind Day, il 15 giugno si festeggia l’eolico in tutta Europa

Il 15 giugno in tutta Europa si festeggia il Wind Day, la giornata del vento promossa...

Tra mare, montagna e piccoli borghi i campi di volontariato di Legambiente

Vivere un’estate speciale, fare una preziosa esperienza di crescita, di viaggio e...

MALTEMPO: COLDIRETTI, AL NORD PRIMAVERA PIU’ PIOVOSA DA 75 ANNI

Da oltre 75 anni non era mai caduta così tanta acqua al nord in primavera che ha fatto...

GIORNATA DEGLI OCEANI. DALL’ENPA IL VADEMECUM PER PROTEGGERE IL MARE E I SUOI ABITANTI

Roma, 7 giugno 2013 – In occasione della giornata mondiale dedicata alla tutela della...

	 	 GREENPEACE: GIORNATA MONDIALE DEGLI OCEANI, ECCO I DATI SULLA PESCA CHE SALVA IL MARE

GREENPEACE: GIORNATA MONDIALE DEGLI OCEANI, ECCO I DATI SULLA PESCA CHE SALVA IL MARE

ROMA, 07.06.13 - Domani, 8 giugno, è la Giornata mondiale degli Oceani....

	 	 Bilancio Spiagge e fondali puliti Legambiente

Bilancio Spiagge e fondali puliti Legambiente

Spiagge e fondali puliti 2013, la campagna di Legambiente dedicata alla pulizia delle coste 25...

Il clima cambia le città. indagine Legambiente

Prima conferenza internazionale sul tema dell’adattamento climatico in ambito urbano...

MALTEMPO: COLDIRETTI, ALLERTA PO SALE 3 MT/GG. NEI CAMPI E’ CALAMITA’

Per effetto delle intense precipitazioni il livello idrometrico del fiume Po è...

AMBIENTE; EARTH DAY; ITALIA “FESTEGGIA” CON -15% TERRA IN 20 ANNI

L’Italia ha perso negli ultimi venti anni 2,15 milioni di ettari di terra coltivata per...

	 	 SCOPERTA ASTRONOMICA - individuati Kepler 20e e Kepler 20f4

SCOPERTA ASTRONOMICA - individuati Kepler 20e e Kepler 20f4

Dai dati fino a ora ottenuti, i ricercatori della NASA pensano che i due nuovi pianeti...

METEO: COLDIRETTI, PRIMAVERA RITARDATA TAGLIA 10% RACCOLTI

L’atteso arrivo del bel tempo consente finalmente l’accesso dei trattori nei campi...

	 Federparchi, Kyoto Club e Legambiente su giornata internazionale foreste

Federparchi, Kyoto Club e Legambiente su giornata internazionale foreste

Tutelare le foreste significa tutelare e garantire un futuro più verde. È questo...

VIVIENNE WESTWOOD HA SCELTO LA BANDIERA CHE GREENPEACE PORTERÀ NELL’ARTICO

VIVIENNE WESTWOOD HA SCELTO LA BANDIERA CHE GREENPEACE PORTERÀ NELL’ARTICO

ROMA, 15.03.13 — La nota stilista britannica Vivienne Westwood ha selezionato la...

ASTROLOGIA E STORIA

In astrologia esiste il piccolo zodiaco e il grande zodiaco, Il piccolo è formato dalla...

Legambiente su incidente Chernobyl

“La centrale di Chernobyl costituisce un serio pericolo. Sono infatti ancora alte le...

Tema astrale del metereologo Andrea Giuliacci

Nato Venerdì 19 Marzo 1971 a Milano alle ore 5:00. Pesci ascendente Acquario con un...

9,8% TERRITORIO A RISCHIO IDROGEOLOGICO

La terra frana perché’ sono dimezzati gli agricoltori nelle aree marginali che se...

Legambiente: “Rilanciare i parchi per contribuire a superare la crisi del Paese”

Sono una delle bellezze dell’Italia, un patrimonio naturalistico di cui siamo leader in...

Plutone in Capricorno - TRASFORMAZIONE RADICALE

L’ultimo soggiorno di Plutone in Capricorno fu nel ciclo temporale che va dal 1763 al...

Legambiente: il 31 dicembre scadono deroghe sulle acque potabili!

Il 31 dicembre 2012 scadono tutte le possibilità di ulteriori proroghe per le deroghe...

PRESA DI COSCIENZA - PLUTONE IN CAPRICORNO LA TRASFORMAZIONE MORTE E RINASCITA

Per la prima volta dalla sua scoperta Plutone è entrato nel segno del Capricorno, segno...

Legambiente su Giornata Nazionale Alberi è legge

“Finalmente abbiamo una legge che tutela il grande patrimonio arboreo e boschivo del...

Profezia Maya - Cos'accadrà veramente?

La civiltà Maya ha dato prova di stupefacenti calcoli astronomici, talmente perfetti...

1-2 dicembre Lipu in 75 piazze con lenticchie biologiche per un "Natale per la Natura"

Si svolgerà sabato 1 e domenica 2 dicembre, in 75 piazze in tutta Italia, la campagna...

Saturno è entrato in Scorpione

Saturno è entrato in Scorpione il 6 ottobre, inserendosi potentemente nella complessa...

Ambiente, CFS/LIPU firmano accordo per tutela ambiente e fauna

La tutela della biodiversità, la lotta al bracconaggio, la difesa del patrimonio...

MALTEMPO: SALE A 350 MLN CONTO DANNI DA ALLUVIONE NEI CAMPI

Il conto complessivo dei danni nelle campagne supera i 350 milioni di euro, anche a causa...

Il 23, 24 e 25 novembre torna "Ridurre si può"

Sul riciclaggio da raccolta differenziata l’Italia sta recuperando i ritardi del...

MALTEMPO: COLDIRETTI, CONTA DEI DANNI 100 MLN DANNI PER AGRICOLTURA

Con il ritiro delle acque si contano i danni che nelle campagne potrebbero arrivare a cento...

URAGANO SANDY. GREENPEACE: IL CAMBIAMENTO CLIMATICO MINACCIA TUTTI, NON SOLO GLI USA

Roma, 30 ottobre 2012 - L’uragano Sandy, che sta devastando molti Stati negli USA,...

L'impronta ambientale dei prodotti e le scelte dei consumatori

I consumatori hanno il potere reale di influenzare il mercato e le scelte produttive. Questa...

GREENPEACE: UE, 13 CENTRALI NUCLEARI DA CHIUDERE SUBITO

Roma, 2 ottobre 2012 - Iniziano a circolare indiscrezioni sugli stress test condotti dalla...

Puliamo il mondo: il bilancio finale dei tre giorni di volontariato ambientale

Puliamo il mondo: il bilancio finale dei tre giorni di volontariato ambientale

Oltre 600mila persone in 1.700 comuni per ripulire 4.000 località dai rifiuti...

Festambiente Mondi Possibili - Bilancio finale

Gli organizzatori: “A Festambiente Mondi Possibili abbiamo respirato umanità e...

  • Terremoto Amatrice: a CERVETERI la Chiccomamia Eventi si mobilita

    Terremoto Amatrice: a CERVETERI la Chiccomamia Eventi si mobilita

    Published in Ambiente

  • GREENPEACE: IN MIGLIAIA IN BICICLETTA PER SALVARE L’ARTICO, DA ROMA A BUENOS AIRES

    GREENPEACE: IN MIGLIAIA IN BICICLETTA PER SALVARE L’ARTICO, DA ROMA A BUENOS AIRES

    Published in Ambiente

  • La mitigazione del rischio idrogeologico, una priorità per il Paese

    Published in Ambiente

  • ENERGY REVOLUTION DI GREENPEACE: DIFESA DEL CLIMA, PIÙ LAVORO E MILIARDI DI EURO RISPARMIATI

    Published in Ambiente

  • Rete Mobilità Nuova oggi a Roma le proposte sul nuovo codice della strada

    Published in Ambiente

  • Il 20 e 21 novembre è Festa dell’Albero

    Published in Ambiente

  • Alluvione Sardegna, Lipu: solidarietà e risorse nella Legge Stabilità per tutela territorio

    Published in Ambiente

  • Legambiente su direttiva europea per ridurre buste di plastica

    Published in Ambiente

  • Italia Rinnovabile: domani a Roma ai Fori Imperiali

    Published in Ambiente

  • AL VIA IL TALENT SCOUT PER L’INNOVAZIONE ENERGETICA

    Published in Ambiente

  • PREMIO LUISA MINAZZI – AMBIENTALISTA DELL’ANNO - ecco gli 8 candidati

    Published in Ambiente

  • Legambiente su Costa Concordia

    Published in Ambiente

  • Puliamo il Mondo con Legambiente dal 27 al 29 settembre

    Published in Ambiente

  • Legambiente - domenica è Big Jump in tutta Europa tuffi per laghi e fiumi puliti

    Published in Ambiente

  • GREENPEACE: SONDAGGIO CONSUMATORI ITALIANI, VOGLIONO VEICOLI PIU EFFICIENTI

    Published in Ambiente

  • La più bella sei tu: vota la spiaggia!

    Published in Ambiente

  • Wind Day, il 15 giugno si festeggia l’eolico in tutta Europa

    Published in Ambiente

  • Tra mare, montagna e piccoli borghi i campi di volontariato di Legambiente

    Published in Ambiente

  • MALTEMPO: COLDIRETTI, AL NORD PRIMAVERA PIU’ PIOVOSA DA 75 ANNI

    Published in Ambiente

  • GIORNATA DEGLI OCEANI. DALL’ENPA IL VADEMECUM PER PROTEGGERE IL MARE E I SUOI ABITANTI

    Published in Ambiente

  • 	 	 GREENPEACE: GIORNATA MONDIALE DEGLI OCEANI, ECCO I DATI SULLA PESCA CHE SALVA IL MARE

    GREENPEACE: GIORNATA MONDIALE DEGLI OCEANI, ECCO I DATI SULLA PESCA CHE SALVA IL MARE

    Published in Ambiente

  • 	 	 Bilancio Spiagge e fondali puliti Legambiente

    Bilancio Spiagge e fondali puliti Legambiente

    Published in Ambiente

  • Il clima cambia le città. indagine Legambiente

    Published in Ambiente

  • MALTEMPO: COLDIRETTI, ALLERTA PO SALE 3 MT/GG. NEI CAMPI E’ CALAMITA’

    Published in Ambiente

  • AMBIENTE; EARTH DAY; ITALIA “FESTEGGIA” CON -15% TERRA IN 20 ANNI

    Published in Ambiente

  • 	 	 SCOPERTA ASTRONOMICA - individuati Kepler 20e e Kepler 20f4

    SCOPERTA ASTRONOMICA - individuati Kepler 20e e Kepler 20f4

    Published in Ambiente

  • METEO: COLDIRETTI, PRIMAVERA RITARDATA TAGLIA 10% RACCOLTI

    Published in Ambiente

  • 	 Federparchi, Kyoto Club e Legambiente su giornata internazionale foreste

    Federparchi, Kyoto Club e Legambiente su giornata internazionale foreste

    Published in Ambiente

  • VIVIENNE WESTWOOD HA SCELTO LA BANDIERA CHE GREENPEACE PORTERÀ NELL’ARTICO

    VIVIENNE WESTWOOD HA SCELTO LA BANDIERA CHE GREENPEACE PORTERÀ NELL’ARTICO

    Published in Ambiente

  • ASTROLOGIA E STORIA

    Published in Ambiente

  • Legambiente su incidente Chernobyl

    Published in Ambiente

  • Tema astrale del metereologo Andrea Giuliacci

    Published in Ambiente

  • 9,8% TERRITORIO A RISCHIO IDROGEOLOGICO

    Published in Ambiente

  • Legambiente: “Rilanciare i parchi per contribuire a superare la crisi del Paese”

    Published in Ambiente

  • Plutone in Capricorno - TRASFORMAZIONE RADICALE

    Published in Ambiente

  • Legambiente: il 31 dicembre scadono deroghe sulle acque potabili!

    Published in Ambiente

  • PRESA DI COSCIENZA - PLUTONE IN CAPRICORNO LA TRASFORMAZIONE MORTE E RINASCITA

    Published in Ambiente

  • Legambiente su Giornata Nazionale Alberi è legge

    Published in Ambiente

  • Profezia Maya - Cos'accadrà veramente?

    Published in Ambiente

  • 1-2 dicembre Lipu in 75 piazze con lenticchie biologiche per un "Natale per la Natura"

    Published in Ambiente

  • Saturno è entrato in Scorpione

    Published in Ambiente

  • Ambiente, CFS/LIPU firmano accordo per tutela ambiente e fauna

    Published in Ambiente

  • MALTEMPO: SALE A 350 MLN CONTO DANNI DA ALLUVIONE NEI CAMPI

    Published in Ambiente

  • Il 23, 24 e 25 novembre torna "Ridurre si può"

    Published in Ambiente

  • MALTEMPO: COLDIRETTI, CONTA DEI DANNI 100 MLN DANNI PER AGRICOLTURA

    Published in Ambiente

  • URAGANO SANDY. GREENPEACE: IL CAMBIAMENTO CLIMATICO MINACCIA TUTTI, NON SOLO GLI USA

    Published in Ambiente

  • L'impronta ambientale dei prodotti e le scelte dei consumatori

    Published in Ambiente

  • GREENPEACE: UE, 13 CENTRALI NUCLEARI DA CHIUDERE SUBITO

    Published in Ambiente

  • Puliamo il mondo: il bilancio finale dei tre giorni di volontariato ambientale

    Puliamo il mondo: il bilancio finale dei tre giorni di volontariato ambientale

    Published in Ambiente

  • Festambiente Mondi Possibili - Bilancio finale

    Published in Ambiente

Saturno è entrato in Scorpione

Saturno è entrato in Scorpione il 6 ottobre, inserendosi potentemente nella complessa configurazione astrologica che sta caratterizzando gli ultimi anni e in particolare questo “fatidico” 2012, che ha già visto l’ingresso di Nettuno in Pesci e il riproporsi della quadratura tra Urano e Plutone.
C’è chi teme questo nuovo Saturno, e per certi versi è senz’altro temibile. Io però vorrei iniziare la mia riflessione onorando il misterioso significato di morte-rinascita (di inizio compreso nella fine) sottinteso ed evocato da una tale posizione celeste. Saturno in Scorpione andrà infatti a formare aspetti armonici di grande interesse sia con Nettuno in Pesci (trigono) che con Plutone in Capricorno (sestile), confermando con tali tappe cicliche la portata epocale delle trasformazioni in corso; e a mio parere proprio quest’ultimo aspetto presenta un forte richiamo di attenzione, trattandosi di “mutua ricezione” tra i due pianeti: Saturno nel segno governato da Plutone, Plutone nel segno governato da Saturno… ed oltretutto in posizione collaborativa.
Saturno e Plutone sanno essere tanto distruttivi quanto costruttivi (o ricostruttivi); tanto terrifici quanto fecondi. E dunque, se in queste dinamiche c’è qualcosa da temere, è solo nella loro forza di impatto, che potrà esprimersi in modo scomodo, pesante, persino violento e comunque non indolore; ma non certo in modo inutile o infruttuoso.

Comincia quindi, con questo sestile calante tra i due pianeti, l’ultima fase di un ciclo iniziato intorno al 1982, quando i due pianeti si congiunsero in Bilancia, e che si concluderà nel 2019-2020 con la loro prossima congiunzione in Capricorno.

Ora, se torniamo con la memoria al 1982, non possiamo certo ricordare soltanto la vittoria dell’Italia ai mondiali di calcio… Quell’anno rimarrà infatti nella storia almeno per altri due eventi importanti e tragici. Il “crack” del Banco Ambrosiano e la morte di Roberto Calvi, suo ex Presidente: una morte sospetta e ancora misteriosa (suicidio vero o falso?), come sospetti e ambigui erano stati i rapporti di Calvi con la finanza internazionale, la politica, la massoneria deviata, il Vaticano, la mafia. E poi ci fu l’assassinio del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, che aveva già combattuto le Brigate Rosse in Piemonte ed era stato da poco nominato Prefetto di Palermo, cominciando a combattere Cosa Nostra con altrettanta intelligenza, audacia ed efficacia, in un periodo di rinnovato potere mafioso in Sicilia. Due eventi drammatici che hanno in comune non soltanto l’aspetto di violenza e di fallimento (o, peggio, di correità) delle Istituzioni, ma soprattutto una nota di oscurità, di potere occulto, di trame nell’ombra. Non è un caso che, in quello stesso periodo, si diffuse la cosiddetta moda “dark”, un fenomeno dapprima musicale poi di costume che originava dal “punk” ed esprimeva, con ostentato estremismo, il lato buio della società, la depressione rassegnata e pure ribelle dell’essere umano, il gioco di specchi tra bianco e nero, bene e male, vita e morte… Ho ricordato questi fatti del 1982 non certo per paventare tragedie simili ma solo per ricordare quanto i cicli Saturno-Plutone siano “potenti”. E accenno alla congiunzione precedente, intorno al 1947, che accompagnò la fase di ricostruzione bost-bellica, nonché all’opposizione del 2001 che invece coincise con l’attentato alle Torri Gemelle di New York… proprio per sottolineare quanto tale potere possa essere, come dicevo, distruttivo o costruttivo.

D’altra parte, Plutone rappresenta un’energia potenziale nascosta, che quando viene attivata può trasformare la realtà in modo profondo e sostanziale: è un potere creativo, che scava alla ricerca di tesori sotterranei e può rigenerare la vita dalle macerie, ma in qualche modo ha sempre a che fare con l’
abbattimento di un sistema, con la morte di qualcosa. Saturno è il “principio di realtà”, la verifica che il tempo impone (sul piano dei valori ma di conseguenza anche sul piano concreto e oggettivo dei fatti) a tutto ciò che non ha più utilità, senso, solidità. Quando i due pianeti si alleano, inevitabilmente vengono a galla contraddizioni, ombre, menzogne, e tutto ciò che il passato ha accumulato o nascosto in tal senso è soggetto ad eventi di profonda trasformazione e, non di rado, impietoso smascheramento.
Questo processo si attua ad ogni tappa dei cicli Saturno-Plutone. Ma naturalmente non sempre in modo drastico, perché gli aspetti tra i due pianeti evolvono attraverso movimenti energetici diversi e altrettanto differenti manifestazioni. Il loro prossimo sestile è, come dicevo, un aspetto collaborativo e preparatorio, il che significa che potrà mostrarsi con modalità relativamente meno cruenti ma non per questo sarà anche meno incisivo. E’ un sestile calante, e raccoglierà l’esperienza della quadratura del 2009-2010, che ha accompagnato la massima esplosione della crisi ancora in corso… per tentare di farne qualcosa di buono, diciamo qualcosa di nuovo; comunque senza sconti.

E’ interessante notare che il sestile preciso tra Saturno e Plutone si formerà per la prima volta tra il 20 e il 30 dicembre. Parliamo dunque del solstizio invernale 2012: proprio quello della profezia Maya, della “fine del mondo”… Ho già detto in altre occasioni che non credo agli eventi catastrofici tout- court, ma semmai in un processo di trasformazione che investe un sistema di valori e di costumi decisamente moribondo, terminale; per cui la fine di “un certo tipo di mondo” è evidentemente già in corso, né inizierà o si concluderà il prossimo 21 dicembre. Ritengo comunque verosimile che il sestile tra Saturno e Plutone rappresenti una svolta fondamentale in tale processo, ancor più considerando che l’aspetto reciproco durerà circa un anno, con tre passaggi ad orbita stretta e l’ultimo in occasione dell’equinozio autunnale 2013 (equilibrio tra luce e buio), quando Saturno incrocerà per congiunzione il Nodo Nord.
Tra morte e rinascita c’è sempre una fase intermedia, di “elaborazione del lutto”, in cui si prende ciò che di buono il passato ha prodotto (esperienza) e si superano attaccamenti o nostalgie, si abbandonano le zavorre, si attuano veri e propri passaggi di testimone (coscienza) così da ridirezionare l’energia creativa verso il futuro. Ecco: questa fase di passaggio, che durerà circa un anno, potrebbe in effetti iniziare intorno al solstizio d’inverno, con qualche evento significativo. Tutto ciò che accade in momenti particolari per la collettività ha un impatto emozionale maggiore, nonché una maggiore potenza evocativa e propulsiva. E il prossimo solstizio invernale ha una forza catalizzatrice notevole nelle aspettative millenaristiche comunque alimentate dalla profezia Maya: una forza che va ad aggiungersi ai simboli culturali, religiosi o esoterici che affiancano la rigenerazione della natura solare alla “Porta degli Dei”, al Natale cristiano e… ai Saturnali.

E dunque torniamo indietro. Non al 2001, al 1982 o a una data precisa.
Torniamo indietro fino al cuore della memoria emotiva, al senso del simbolo che si incarna negli eventi storici, al mito che di questi eventi è matrice e insieme significato riproposto.

Saturno, pianeta che per l’astrologia governa il Capricorno, segno illuminato dal basso sole solstiziale, secondo il mito romano aveva governato una edenica Età dell’Oro, durante la quale aveva insegnato agli uomini a disciplinare la fertilità della terra con le arti agricole, a utilizzare la falce per potare i rami sterili o superflui della vite o raccogliere i fusti del grano; non a caso, il Saturno greco diventò Kronos, signore del Tempo, che nella stessa falce aveva lo strumento più severo e inesorabile dell’età che avanza, della vecchiaia e della morte.
Quando Saturno fu spodestato da Giove ed esiliato nel deserto, proseguì in quanto immortale a vivere un’esistenza pur simile alla morte, lugubre e funerea, in attesa di rinascere Bambino e risvegliare l’umanità, ripristinando l’Età dell’Oro.
In memoria e in onore di quell’era feconda e felice, gli antichi romani celebravano appunto i “saturnalia”: una festa collettiva e totalizzante, non di rado trasgressiva o con derive orgiastiche, che aveva luogo proprio nei giorni intorno al solstizio d’inverno e che, paradossalmente, aveva come regola il… sovvertimento delle regole. In quei giorni, l’ordine sociale e i vincoli morali venivano infatti ignorati, ribaltati, ridicolizzati: gli schiavi erano momentaneamente considerati liberi e come tali si comportavano, estraendo a sorte tra loro un “princeps”, vestito come una maschera ostentata ed estrema, a metà strada tra la caricatura nobiliare e l’evocazione infera. A volte rappresentava Saturno protettore dei raccolti, altre volte Plutone protettore dei defunti: vita e morte ancora e sempre collegate. I romani credevano che tali divinità vagassero, durante l’inverno, sulla terra spoglia, fredda e sterile, e che fosse necessario ingraziarsene i favori con feste e offerte, inducendoli così a tornare nei loro regni invisibili sazi e soddisfatti, nonché disponibili a favorire il risveglio della natura e i futuri raccolti.

Erano riti di passaggio, come potrebbe essere ancora lo stesso Natale se non fosse stato inglobato dalla banalizzazione consumistica, se la nostra società moderna non avesse perso il senso del Sacro e il legame, complice e rispettoso, con la Natura e il Divenire. E ritengo che proprio questa mancanza, questa perdita, sia alla base dei ciclici allarmi millenaristici, in cui l’umanità – a dispetto della società – sente istintivamente di dover attuare un cambiamento, una metamorfosi, appunto una morte-rinascita… ma avendone paura, rifiutandola razionalmente, improvvisa pur maldestramente una sorta di esorcismo catartico: ad esempio trasformando la profezia Maya in un business editoriale o, come gli antichi romani nei Saturnali, ridicolizzandone il potere. Forse non sono l’unica a ricordare il gioco infantile in cui qualcuno domandava “Chi ha paura dell’uomo nero?”, e tutti rispondevano gridando “Nessuno!!!” e correndo via per non farsi prendere… Ecco, Saturno in Scorpione somiglia un po’ all’uomo nero, al lupo cattivo, all’orco delle favole. E in fondo anche le favole sono miti e traducono dinamiche esistenziali e coscienziali antiche come l’uomo, ancestrali paure e viaggi iniziatici nella vita. Ma ci sono momenti in cui non possiamo più cavarcela correndo via, mettendoci le mani sugli occhi nel timore di vedere o nell’illusione di non farci vedere: ci sono momenti – e questo è uno di quei momenti – in cui è necessario guardare in faccia la realtà e chiamarla con il nome giusto, prima di affrontarla.

Saturno, nella sua veste scorpionica, è senz’altro una figura scarna e inquietante, con la falce in mano che taglia via ciò che ha esaurito il proprio tempo e decreta sentenze di morte, avanzando al ritmo di un inesorabile “tic-tac”: il tempo kronos dell’esistenza profana e del suo divenire lineare, il tempo kairos della coscienza sacra e dei suoi eventi interiori, culturali, spirituali. Ma è anche la divinità che raccoglie, del Giano Bifronte, il senso di una Verità duale che, superando il passato, accede al futuro. Lo stesso Solstizio d’Inverno si presenta come momento di passaggio, apparentemente contraddittorio nel suo essere il massimo dell’Ombra e insieme il riscatto della Luce: in quel momento, noi festeggiamo il Natale o il Capodanno eppure avvertiamo un senso di malinconia, mentre facciamo bilanci e programmi, tra la nostalgia di ciò che non è più e l’attesa di ciò che sarà.
Questo è Saturno: a suo modo un traghettatore. E questa è la “realtà” che Saturno descrive, rappresenta e ci invita (spesso ci costringe) a rispettare e onorare. Un eterno gioco tra le parti: luci ed ombre, forma e contenuto, bene e male, vita e morte… in cui vince solo chi accetta di mettersi in gioco davvero, puntando sui valori che durano a costo di abbandonare comodi costumi, comportamenti rassicuranti, sicurezze apparenti o effimere. Non a caso, a proposito di gioco, durante i Saturnali si svolgeva anche una sorta di gioco divinatorio, in cui Saturno rispondeva alle domande in veste di oracolo; ed erano gli unici giorni in cui era anche permesso giocare d’azzardo, perché pure la sfida al destino era un aspetto di Saturno. L’abitudine più moderna di giocare a tombola in famiglia, durante le ricorrenze natalizie, proviene da quei tempi.

Oggi, l’azzardo è un termine e un comportamento che ha assunto connotazioni negative: non più una sfida consapevole e fiera con il destino, un gioco ad armi pari in cui il destino stesso mette alla prova i “numeri” del giocatore (cosa che accade ancora e comunque, che ci piaccia o no, con certi transiti), e in cui il rischio di perdere è parte intrinseca del gioco e come tale è accettato. Oggi il gioco d’azzardo vero e proprio, che dai prestigiosi tavoli della roulette si è diffuso al “popolino” con l’incredibile diffusione di Lotto, SuperLotto, Gratta e Vinci, slot machine e così via, non ha più nulla di sacro, di rituale, di oracolare… e purtroppo nemmeno di divertente o coinvolgente, in senso familiare o collettivo. E’ spesso soltanto un triste, solitario e dispendioso tentativo di cambiare vita con un “colpo di fortuna” che sostituisca il cambiamento interiore o comportamentale che la vita stessa, invece, ciclicamente chiede e che sempre approva, laddove si realizza. Un’ illusione più comoda della speranza ma anche più distruttiva del coraggio, che per altro crea un’insidiosa dipendenza e dunque manifesta derive nettuniane più che espressioni saturnine.

Non a caso, oggi si parla di azzardo anche in senso morale (“moral hazard”): e mai termine fu più appropriato, visto che la misura del rischio reale, in termini economici o legali, diminuisce fino ad annullarsi man mano che aumentano le formule di copertura e la conseguente de-responsabilizzazione. In pratica, è ciò che accade quando certi operatori finanziari si sentono autorizzati a compiere scelte rischiosissime… ma non per loro, perché gli eventuali esiti negativi ricadono sulla collettività o su altre categorie, oppure sono protetti da un intervento assicurativo o statale. E accade spesso anche nei settori politici o amministrativi, laddove il privato, se perde, paga di tasca propria mentre il pubblico paga… di tasca nostra.
Non si capisce perché la mancanza di rischi debba necessariamente generare o autorizzare un’astensione dai limiti etici ma di fatto accade; e accade da troppo tempo perché Saturno, signore del Tempo, non ritenga necessario dire la sua. Sarebbe come affermare che “l’occasione fa l’uomo ladro”, ma con Saturno non attacca: chi non è ladro, non lo diventa per circostanza od opportunità; e se, viceversa, qualcuno si rende colpevole o complice, anche indiretto, di un danno a individui o collettività, non può cavarsela con giochetti di prestigio… C’è qualcosa che sta molto a cuore al pianeta degli anelli, ed è appunto il senso dei limiti, l’assunzione delle personali responsabilità, il controllo degli impulsi più bassi, la consapevolezza del legame tra essere e agire: in una parola, la coscienza.

Ecco perché credo – e spero – che Saturno in Scorpione non sarà gentile con chi ha ombre sulla coscienza o scheletri nell’armadio. Ombre e scheletri, come maschere o menzogne, sono di casa nello Scorpione e non c’è nascondiglio che tenga, quando Plutone è all’opera. Chi è impeccabile non avrà nulla da temere, chi ha colpe lievi potrà forse mercanteggiare, rivedendo il proprio comportamento; ma per tutti coloro che hanno “giocato” (non in prima persona ma con i soldi, il lavoro, le sicurezze e i sentimenti altrui), potrebbe finalmente arrivare la resa dei conti.

Il punto è che costoro sono tanti. Ed anzi rappresentano un andazzo diffuso, infiltrato e condiviso in tutte le forme, dall’alto al basso, dal grande al piccolo. Ciò significa che il cambiamento ricostruttivo che ci aspettiamo ed auguriamo non potrà attuarsi senza prima distruggere un sistema ormai troppo contaminato per essere semplicemente guarito. Non a caso, tra i simboli dello Scorpione c’è la Fenice, che risorge dalle proprie ceneri: e questa è, appunto, la “fine del mondo”.

Insomma non sarà un processo facile, non sarà indolore e non sarà, probabilmente, nemmeno tanto breve. E’ già da qualche anno che soffriamo, e le prospettive di ripresa in tempi ristretti sono tutt’altro che ottimistiche.
Ritengo che la crisi economica e la perdita di fiducia nelle istituzioni non abbiano ancora raggiunto i livelli massimi: non abbiamo ancora toccato il fondo. E in tal senso guardo con preoccupazione già alla congiunzione tra Marte e Plutone, in quadratura a Urano, che avverrà nella seconda metà di novembre.
Non temo eventuali o ulteriori scandali ma ciò che possono generare su un tessuto sociale destabilizzato, stanco, deluso e arrabbiato (rivolte, proteste, ribellioni, violenze varie… e soprattutto, con Saturno in Scorpione, la voglia di farsi giustizia da soli): mi riferisco ad episodi isolati, a gruppi improvvisati o a strutture organizzate, perché tutto è possibile quando gli squilibri sociali, economici, culturali, razziali o religiosi si accumulano in tempi e spazi ristretti. Poi a dicembre ci sarà il primo sestile tra Saturno e Plutone, e allora forse inizierà quella svolta di cui parlavo in premessa, ma di certo non avverrà il miracolo senza la nostra collaborazione.

L’errore più grave sarebbe quello di continuare a identificare il “male” solo all’esterno, evitando di compiere anche individualmente un esame di coscienza e una trasformazione autentica. Perché se ci sono regole da cambiare, un sistema da abbattere, un controllo da effettuare, ciò può essere fatto solo partendo dall’interno e solo così potrà poi estendersi fuori, intorno, nei fatti. Vale in generale ciò che sempre riscontriamo sul mercato: è la richiesta che crea l’ offerta e l’influenza, la direziona, la corregge. Se non vogliamo essere derubati o ingannati, dobbiamo smettere di barare o di illuderci, magari cercando scorciatoie verso un malinteso senso di “fortuna” personale, e mostrarci per quanto ci compete sempre trasparenti e leali; se vogliamo un mondo senza guerre dobbiamo esprimere solidarietà e tolleranza anche nella vita quotidiana; se desideriamo un ambiente meno inquinato (in tutti i sensi), dobbiamo cominciare a non inquinare.

Saturno non fa mai sconti, e non fa nemmeno il filosofo, il teorico, l’ideologo. Attraverso le modalità dello Scorpione saprà andare in profondità, né avrà remore – nel caso sia utile o necessario – a farci toccare il fondo… ma resta un principio di realtà. Una realtà che dovremo guardare in faccia, sia a livello individuale che in senso sociale, culturale, economico ed ecologico, per poi trarre conclusioni oneste, mature e responsabilmente coerenti.

Con l’aiuto di Plutone, potrà nascere un nuovo modo di intendere ed esercitare il potere, la propria autorità, le proprie e peculiari competenze, in senso individuale e non per questo egoistico; con l’aiuto di Nettuno nasceranno forse nuovi ideali, nuove forme di solidarietà, una spiritualità meno legata a fazioni confessionali e più vicina al Cielo e alla Terra, al piano divino e a quello umano. Ci sarà molto da capire, da superare, da cambiare, e soprattutto molto da fare. Senza illuderci e senza barare (vivendo l’aspetto peggiore di Nettuno e Plutone), ma mettendoci in gioco davvero, come artigiani più che come artisti: per realizzare da noi stessi, ma non solo per noi, quel mondo nuovo che tanto decantiamo e tanto temiamo… quasi fosse una catastrofe, un sovvertimento, un’eccezione alla regola e non invece il suo ripristino, per le leggi della natura e del destino.

Prof.Sartori Federico
cel.338/1153220
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • In Spagna
  • La Vineria
  • Alimentari Giovanni
  • Colorificio Alte